• traduttore

Un’associazione che racconta l’Europa Orientale

Vi segnalo questo sito di AISSECO (Associazione Italia Studi di Storia dell’Europa Centrale), specializzato nei fatti politici, economici e sociali degli stati europei dell’Est Europa, che sono membri dell’UE e partecipi da sempre della storia dell’integrazione europea.

Il sito è aggiornato e ricco di documenti, libri, recensioni, prodotti multimediali e iniziative inerenti l’area orientale dell’Europa, anche in collaborazione con altre associazioni e col Pontificio Istituto Orientale.

Un istituto che forma esperti in Diritto Comunitario

Da decenni questo prestigioso istituto internazionale di formazione prepara i giovani alla complessa materia del Diritto Comunitario, in special modo nel settore dell’economia e dell’integrazione giuridica degli stati membri, nel quadro generale delle norme di Diritto internazionale e della Giustizia nell’ambito delle istituzioni politiche regionali. Un importante contributo all’evoluzione della storia dell’integrazione europea.

Se vuoi accedere agli archivi delle Leggi dell’UE.

GLI ACCORDI DI SCHENGEN PER LA LIBERTA’ DI CIRCOLAZIONE

Con la sottoscrizione del Trattato di Schengen nel 1985 dai 6 paesi fondatori della CEE, i cittadini degli stati membri possono circolare liberamente entro lo Spazio Comune Europeo, sia per lavoro che per turismo o per altri motivi personali, semplicemente esibendo un documento d’identità valido.

Progressivamente ampliato a tutti gli altri stati che sono entrati nell’UE, ad eccezione di Irlanda, Croazia, Bulgaria e Romania (mentre ne fanno parte Norvegia, Svizzera e Liechenstein che invece non sono membri comunitari), rende realistica la prospettiva delle “libertà fondamentali” su cui è fondata la Comunità Europea.

Per maggiori informazioni leggi questo Vademecum.

Il Movimento Europeo promuove l’Europa democratica federale

Sin dai primi passi del processo di integrazione europea, il Movimento Europeo è stato protagonista di rilievo, impegnato a mobilitare la cittadinanza in un processo davvero democratico per un’Europa unita federale.

Studi sull’integrazione europea

Una rivista dedicata all’integrazione europea, di carattere scientifico e universitario, ispirata al Diritto Comunitario ma aperta ad altri contributi disciplinari, di qualsiasi provenienza e opinione. Un progetto etico e autoerevole.

Preparazione alla carriera nelle istituzioni dell’UE

L’Istituto Universitario di Studi Europei è uno dei principali enti di formazione per quei giovani che volessero accedere alla carriera nelle istituzioni dell’Unione Europea.
Il prossimo corso in programma inizia il 17 maggio, ma è possibile anche prepararsi nelle materie del Diritto Commerciale internazionale o acquisire altre “competenze europee” da sfruttare nel settore privato.

Conoscere il Quadro Finanziario Pluriennale dell’UE

Per poter comprendere meglio il funzionamento dell’Unione europea, bisogna leggere/conoscere il Quadro finanziario pluriennale (QFP) che ogni sette anni la Commissione propone al Consiglio e al Parlamento europei al fine di elaborare il bilancio pluriennale. Questo è il prospetto per il periodo 2021-2027.

Sedi italiane dell’Ufficio di Rappresentanza della Commissione UE

logo_it

Se vuoi entrare in contatto diretto con la Commissione Europea, senza dover viaggiare fino a Bruxelles, puoi farlo presso le sedi ufficiali di Rappresentanza in Italia, a Roma e Milano, e parlare con le persona giusta.

La rivista del Movimento Federalista Europeo

Dalla sua fondazione il Movimento Federalista Europeo è sempre stato un punto di riferimento essenziale nel quadro politico e intellettuale continentale in materia di Unione Europea e sue prospettive: in questa rivista del Movimento Federalista Europeo trovate gli interventi pubblicati in oltre sessant’anni di attività.

L’Europa è cristiana o non è!

L’Europa è un immenso patrimonio di storia, di cultura e di arte, il più grande del mondo, elaborato da nazioni sorte su comuni radici cristiane. Questa associazione si occupa di difendere e diffondere il pensiero cristiano in Europa in un’epoca in cui domina il pensiero unico laicista.