• traduttore

IL NATALE DELLA STORIA DELL’INTEGRAZIONE EUROPEA

Natale

 

La storia dell’integrazione europea è indissolubilmente legata al Natale dei Cristiani che si celebra anche quest’anno il 25 dicembre, da quasi duemila anni, ossia da quando Gesù di Nazareth “detto il cristo” è venuto per annunciare il messaggio di amore e di vita eterna per tutti coloro che lo avrebbero creduto. Un evento che ha cambiato per sempre la Storia dell’Europa Unita, provocando l’inizio del processo di integrazione europea sotto la suprema auctoritas di Cristo. Continue reading

LA STORIA DELL’INTEGRAZIONE EUROPEA E LE FAMIGLIE PAPALINE

storia dei Papi

La storia dell’integrazione europea è legata alle “famiglie papaline” che dal I secolo d.C. regnarono in Ecclesia Christiana e guidarono l’Impero cristiano in Pars Occidens, in collaborazione con le genealogie europee della Famiglia Reges Christianorum che si affermarono con l’Impero carolingio fondato da Carlo Magno (vedi articolo) e continuarono con gli Imperatori del Reich (vedi articolo). Esse rappresentarono per secoli l’auctoritas spirituale cristiana e furono protagoniste dell’Europa Unita fino all’età moderna. Continue reading

Il Piano Kalergi.

Argomento di cui si parla poco e male, il “piano Kalergi” è un testo scritto dal Conte Richard Nikolaus di Coudenhove-Kalergi nella prima parte del XX secolo, divenuto il manifesto di una certa ideologia “complottista” che considera l’attuale Unione Europea e la storia dell’integrazione europea come une progetto massonico.

In realtà esiste un progetto elaborato dal filosofo e politico ungherese, fondatore nel 1922 del movimento “Unione Paneuropea”, che pensava ad un’Europa Unita politicamente cui diede proprio il nome di Unione Europea!

Fu una proposta nata in seguito alla “inutile strage” della Prima Guerra Mondiale che aveva devastato il continente e cambiato definitivamente la cartina politica europea, cui aderirono molti dei “padri costituenti” dell’UE e sostenitori vari, fra cui importanti banchieri e intellettuali del tempo. Ne parlo nel mio primo articolo, che vi invito a leggere insieme al testo originale e alle opere dell’autore.

Papa Bergoglio attacca l’UE laica e ricuce con gli ortodossi.

Di ritorno dal viaggio pastorale a Cipro, uno dei luoghi in cui l’Europa ha le sue antiche radici, Papa Francesco ha rilasciato alcune dichiarazioni su alcuni punti essenziali dell’attualità politica ma che hanno profonda interrellazione con la storia della Chiesa e con la storia dell’integrazione europea.

Secondo la sua opinione l’UE vive ancora di una laicità ormai annacquata e l’obiettivo del Natale è troppo facile da colpire, pericoloso per le conseguenze che potrebbe avere per la stabilità futura proprio della comunità politica.

Inoltre, ha sottolineato di aver chiesto “scusa” ai fratelli ortodossi per le colpe e gli errori della Chiesa Romana nel passato e che spera di incontrare presto il Patriarca di Mosca per confrontarsi, in modo diretto e franco come due fratelli che si amano e si rispettano, sulle questioni che ancora oggi dividono l’Ecclesia Christiana.

Una breve intervista densa di concetti e propositi per il futuro dell’Europa e della storia dell’integrazione europea.

Vite dei papi. Le biografie degli uomini che guidarono 2000 anni di storia della Chiesa

Un saggio scritto da un teologo scozzese, J.N.Kelly, docente alla Oxford Unv. e Direttore del St. Edmund Hall College, il più antico al mondo, che racconta la vita di quasi 300 papi e antipapi in duemila anni di storia dell’integrazione europea: di ciascuno si narra la vita, la formazione, l’elezione al soglio pontificio, le azioni di governo, gli avvenimenti politici e spirituali. Un’indagine storica completa e attendibile su alcuni degli uomini più potenti della storia planetaria.

Direttiva UE sul Salario Minimo continentale

E’ certamente un battaglia di valori e di diritto europei, che riguarda appieno la storia dell’integrazione europea, quella in corso al Parlamento Europeo per redigere e approvare la Direttiva UE sul “salario minimo”. Una norma che renderà più omogeneo il mercato interno del lavoro, sebbene le differenze fra salari e potere d’acquisto dei diversi paesi membri ci sono e sono anche notevoli. Seguiremo gli eventi per vedere come andrà a finire…

Ultimo importantissimo Consiglio Europeo dell’anno

Si terrà il 16 dicembre l’ultimo importantissimo Consiglio Europeo del 2021, con un’agenda ricca e mirata su molti aspetti che riguardano la vita di tutti gli Europei.

Gli argomenti all’ordine del giorno sono la crisi sanitaria da Covid19, la gestione “resiliente” della crisi economica e sociale generale, l’andamento dei prezzi dell’energia, la sicurezza esterna dell’UE e la gestione dei flussi migratori, la complicata “questione russa” in relazione a Ucraina e Bielorussia. Un passaggio decisivo nella storia dell’integrazione europea.

Purtroppo sarà una sessione a porte chiuse, persino ai giornalisti accreditati. Evidentemente il momento è grave…

L’Europa è parte dell’O.N.U.

Sin dalla costituzione, il 24 ottobre 1945, l’organizzazione internazionale planetaria delle Nazioni Unite (O.N.U.) ha sempre avuto fra i suoi membri quasi tutti gli stati europei, di cui Francia Regno Unito e Russia furono fra i fondatori e conservano ancora il diritto ad essere membri permanenti del Consiglio di Sicurezza. Fu una tappa molto importante per la stessa storia dell’integrazione europea.

Oggi l’ONU raccoglie praticamente tutti gli stati sovrani riconosciuti sulla Terra e si occupa di quasi tutte le questioni collettive internazionali, direttamente o tramite le sue numerose agenzie: scopritela qui.

L’incredibile storia degli imperatori romani

Un corposo escursus sulle vite degli Imperatori romani, da Augusto a Costantino XI “porfirogenito”, 150 uomini che hanno guidato la storia dell’integrazione europea per quasi 1500 anni, fra Roma e Costantinopoli: le loro vicende personali testimoniate da numerosi autori e ricercatori di varie discipline. Un’opera completa che aiuta a comprendere meglio la Storia, perché come sosteneva Cicerone: «Non sapere che cosa sia accaduto nei tempi passati equivale a restare per sempre bambini».