• traduttore

CARLO MAGNO PADRE DELL’INTEGRAZIONE EUROPEA

storia dell'integrazione europea

La storia dell’integrazione europea passa inevitabilmente per Carlo “detto il magno”, il primo imperatore cristiano occidentale del Medioevo che cambiò il destino degli Europei e della politica internazionale del tempo e nei secoli a venire.

Fu talmente ammirato dai contemporanei che il suo nome divenne Charlemagne, simbolo o icona intramontabile, nonostante della sua vita sappiamo assai poco, perlopiù dalla Vita Karoli Magni redatta del suo scriba di corte. Era uomo saggio e magnanimo, dotato di costanza in buona e cattiva sorte, paziente nel sopportare l’ostilità dei Sassoni, fisicamente robusto e alto, era sportivo e amava nuotare, tanto che fece costruire una grande piscina nel Palatium regio di Aquisgrana per fare il bagno con gli amici. Aperto a tutti e sempre circondato da molte persone, impulsivo e caparbio, mangiava molto, era loquace ed estroverso, non nascose le sue emozioni quando morirono figli, figlie, l’amato nipote Roland e l’amico Papa Adriano I. Continue reading

L’UE approva il PNRR degli stati membri

La storia dell’integrazione europea raggiunge una nuova tappa con l’approvazione del PNRR degli stati membri, fra cui l’Italia cui spetta la fetta più grande delle risorse disponibili destinate al Recovery Plan.

L’approvazione definitiva dei piani presentati dai singoli paesi è avvenuta a metà luglio e questo articolo riporta in modo chiaro e sintetico le quote assegnate ad ognuno, specificando per l’Italia anche gli indirizzi del piano approntato dal Governo per i prossimi mesi.

Conferenza sul futuro economico-finanziario dell’UE

L’UE affronta il tema della crisi economico-finanziaria collegata all’evoluzione dell’epidemia da Covid19, il prossimo 27 e 28 luglio a Bruxelles. Le prospettive non sono rosee e si cerca di capire, insieme a esperti e ricercatori del Centro per gli Studi Europei, dell’Università di Milano-Bicocca e della UCLA Riverside quali potrebbero essere gli influssi, in negativo o positivo, della situazione in divenire nei prossimi mesi nello Spazio Comune Europeo.

La Conferenza organizzata dal Parlamento Europeo può essere seguita anche online su questo sito.

I Paesi dell’Unione europea non rispettano il principio chi inquina paga

L’UE è fortemente impegnata nella strategia di ridurre le emissioni dannose e realizzare la transazione ecologica dello Spazio Comune Europeo verso una condizione di “saldo zero” e decarbonizzazione totale dei sistemi energetici civili/industriali. Però la Corte dei Conti Europea ritiene che i costi di questa operazione non dovrebbero ricadere sui consumatori finali, come avviene oggi, bensì sui produttori e distributori di energia. Leggi questo report di Greenreport.it

“STORIA DELL’INTEGRAZIONE EUROPEA IN 2500 ANNI”storia dell'integrazione europea

Carlo Magno. Il ritratto del re e dell’imperatore

Un saggio che indaga sul carattere e le doti di uno degli imperatori più importanti della storia dell’integrazione europea. La storia inglese J. Laughland Nelson propone l’immagine dell’uomo, oltre che del sovrano-guerriero, capace di sentimenti profondi e carnale, che questo libro cerca di mettere in luce attraverso i pochi documenti medievali disponibili, lavorando sui simboli e i codici da decriptare.

Di Carlo Magno si parla anche nel mio libro

“STORIA DELL’INTEGRAZIONE EUROPEA IN 2500 ANNI”storia dell'integrazione europea

 

IL RUOLO DI AUGUSTO NELL’INTEGRAZIONE EUROPEA

storia dell'integrazione europea

La storia dell’integrazione europea deve molto ad Augusto, il primo imperatore della tradizione europea: a partire dalla sua epoca, che vide la nascita di Gesù in Palestina, le sorti degli Europei divennero comuni ai Romani e in seguito ai Cristiani. Anche se egli non immaginava tutto quello che sarebbe seguito a causa della sua decisione…

Infatti, nelle Res Gestae ci racconta che a 19 anni irruppe nella scena politica per sua volontà e merito, segnando per sempre la storia dell’Europa unita. Sotto la sua guida Roma raggiunse livelli di potenza economica mai visti prima, tanto che il Senatus gli riconobbe il titolo di Augustus e fece appendere nella Curia uno scudo con le virtutes che gli si riconoscevano: coraggio (virtus), clemenza (clementia), giustizia (iustitia) e l’adempimento dei doveri verso uomini e Dèi (pietas). Egli rimase al potere per oltre cinquant’anni come leader del nuovo ordinamento cui diede il nome di Principatus, ove interpretò il ruolo del Consules ben 13 volte e quello del Pontifex per tutta la vita: celebre è la sua statua con il velo sul capo, come quella di Prima Porta che lo ritrae invece nelle vesti di Imperator. Statue erette in tutto l’Impero romano anche a sua insaputa, cosa che combatté sempre perché non voleva celebrazioni, essendo già sufficiente essere il Caesar filius divus. In effetti, trascorse tutta la vita nella sua angusta e austera abitazione sul Palatino (vedi libro di Carandini), affianco al Tempio di Apollo fatto erigere dopo aver ricevuto la summa potestas. Continue reading

L’UE si prepara alla rivoluzione dell’AI

Sotto la nuova presidenza semestrale della Slovenia il 20 luglio si tiene un’importante conferenza sul tema della protezione dei diritti fondamentali degli Europei dopo l’introduzione delle tecnologie dell’Intelligenza Artificiale (AI), sulle quali l’UE investirà parecchie risorse nei prossimi anni (vedi News).

Se questa pagina potete visionare l’agenda dell’incontro e seguirlo in video conferenza.

“STORIA DELL’INTEGRAZIONE EUROPEA IN 2500 ANNI”storia dell'integrazione europea

L’INTEGRAZIONE EUROPEA E’ STORIA DELL’IMPERO

globoecroce

L’Unione Europea è l’ultimo step del processo di integrazione europea iniziato con la ratifica dei cd. “trattati di Roma” del 1952, seguendo un progetto ideologico/politico nato nel corso del XIX secolo (vedi articolo) e tuttora incompleto: resta infatti poco comprensibile la forma di stato o di governo che sostiene quella che giuridicamente è una organizzazione internazionale di tipo regionale e territoriale. Su questo punto le proposte in campo sono diverse e il dibattito politico e intellettuale è aperto (vedi articolo), sebbene riconducibile a due modelli in particolare: gli “Stati Uniti d’Europa”, sulla falsariga della potenza economica-militare americana, o la Federazione di stati, secondo la più antica tradizione devoluzionista europea. Continue reading

La sfida delle Organizzazioni Internazionali alle multicompany

Dopo il recente G20 tenuto fra i ministri delle finanze e i banchieri centrali, che ha deciso di imporre una tassazione universale alle grandi company globali sui loro profitti finanziari, l’UE ha immediatamente accolto l’innovazione e si prepara a introdurla nell’ordinamento comunitario entro ottobre 2021.

In questa pagina sono riportate le principali linee d’azione della Commissione per i prossimi mesi.

La PAC del futuro nella riunione del Consiglio dell’UE

Il 19 luglio il Consiglio dell’UE, che riunisce i ministri competenti nel dicastero in oggetto, deciderà sugli sviluppi della prossima Politica Comune Agricola (P.A.C.) in relazione alla strategia “Green Deal” che vuole ridurre a zero l’inquinamento e gli impatti ambientali dell’agricoltura continentale.

Su questa pagina trovate tutte le informazioni utili a comprendere la tematica e l’agenda dell’incontro.