• traduttore

Gli stati della ex-Jugoslavia e l’Albania nell’UE? I fondi ci sono

La storia dell’integrazione europea vira sui Balcani: il Presidente della Commissione UE, U.Von der Leyen, ha infatti annunciato lo stanziamento straordinario e senza precedenti di enormi risorse (circa 9 miliardi di euro) per aiutare i paesi della ex-Jugoslavia e di Albania ad entrare nella Comunità Europea. Fondi che serviranno a sostenere gli investimenti per la crescita, secondo una logica analoga a quella della politica di coesione, che mira ad eliminare le differenze esistenti tra le regioni degli Stati membri UE e i paesi candidati ad entrarvi: Albania, Bosnia Erzegovina, Montenegro, Serbia Macedonia del nord e Kosovo.

Europol in prima linea nell’allargamento ai Balcani

Nell’ottica del completamento del processo di allargamento dell’UE agli Europei, che vede in agenda gli stati balcanici, è rilevante l’impegno di EUROPOL che annuncia un video per informare sui rischi di criminalità diffusa in particolare riguardo soprattutto ai cyber-reati connessi agli abusi sessuali e alla tratta delle prostitute.

LE GENEALOGIE DIVINE DELL’INTEGRAZIONE EUROPEA: GLI ASBURGO

Asburgo

Nella storia dell’integrazione europea c’è una dinastia che, più delle altre genealogie europee, ha rappresentato l’ordine universale dell’Impero cristiano: gli Asburgo. Per oltre sei secoli ha tenuto lo scettro dell’antico Reich determinando la storia d’Europa e la politica internazionale del tempo fino alla Prima Guerra Mondiale. Oltre al titolo imperiale, essa ha governato i regni nazionali di Spagna, Germania, Austria, Boemia e Ungheria per secoli, nonché i Paesi Bassi e molti feudi italiani, segnando decisamente la storia dell’Europa Unita. Continue reading

IL PROCESSO DI INTEGRAZIONE EUROPEA ALLARGHI L’ORIZZONTE

integrazione europea

europa nel 1919

L’Unione Europa come la conosciamo oggi è il frutto maturo (o forse marcito?) del cd. “processo di integrazione europea”, iniziato secondo la vulgata consolidata nel secondo dopoguerra e tuttora incompleto. Questo argomento è materia specifica insegnata in tutti gli atenei italiani, nell’ambito degli studi storico-politologici, con l’intento di presentare in modo coerente e omogeneo un periodo storico che non si è ancora concluso ed è assolutamente contemporaneo quanto indefinito.

La tesi basilare è che con l’avvento della Modernità, il mondo si sia avviato verso un lungo cammino di progresso, liberazione e sviluppo dell’essere umano, finalmente uscito dalla caverna in cui ha sonnecchiato per millenni per ricoprire la luce interiore che alberga in ognuno di noi: pertanto, si parte dal mitico Congresso di Vienna del 1815 a delineare un andamento di fatti e situazioni concomitanti, connesse e inter-dipendenti, che nella consapevolezza della “ragione dei lumi” dominante ci ha infine condotti fin qui. Continue reading